Tutto per la torta di Pasqua!

Tutto quello che serve per la pastiera napoletana!

Il giovedì Santo nelle cucine napoletane e non solo, in molti si mettono ai fornelli per preparare tortano e casatiello. Preparazioni che necessitano di lievitazione lenta ma soprattutto dolce… nel frattempo quindi ci si concentra su un’altra ricetta tradizionale che non può proprio mancare sulla tavola della domenica di Pasqua: la Pastiera napoletana! Come ogni dolce che si rispetti, anche la pastiera, immancabile nei menu di Pasqua napoletano, conosce diverse varianti e accorgimenti di.

Per eseguire la versione più classica avremmo bisogno di molti attrezzi tutti disponibili sul nostro E-commerce o presso il nostro negozio.

Preparate anche voi la Pastiera napoletana, da regalare ai vostri amici o da gustare insieme ai vostri parenti, noi vi consigliamo di farlo con qualche giorno d’anticipo… I dolci che riposano per qualche giorno sono i piu buoni 😊

Ingredienti

INGREDIENTI PER LA FROLLA (PER UNO STAMPO DA 20 CM ALLA BASE E 26 IN SUPERFICIE )

  • Farina 00 315 g
  • Strutto freddo 180 g
  • Zucchero 135 g
  • Tuorli 3

PER CUOCERE IL GRANO

  • Latte intero 250 g
  • Grano cotto 350 g
  • Strutto 30 g
  • Scorza di limone 1

PER LA CREMA

  • Ricotta vaccina 200 g
  • Ricotta di pecora 200 g
  • Zucchero 350 g
  • Uova 3
  • Cedro candito 50 g
  • Arancia candita 50 g
  • Acqua di fiori d’arancio 15 g
  • Cannella in polvere 1 pizzico
  • Baccello di vaniglia 1

PER UNGERE E INFARINARE LO STAMPO

  • Strutto q.b.
  • Farina 00 q.b.
Farina, uova, burro, impastatrice

Pasta frolla perfetta per Pastiera:

la frolla per pastiera, è diversa dalle solite frolle, dev’essere un guscio resistente e non troppo friabile altrimenti in cottura, sopratutto quando la pastiera tenderà a gonfiarsi, si romperanno le strisce decorative, inoltre con una frolla troppo friabile la fetta tenderà a spaccarsi.

Montate con l’aiuto delle fruste elettriche o la planetaria,  il burro morbido con lo zucchero , la buccia di limone e l’aroma di fiori d’arancio  per almeno 3- 4 minuti fino ad ottenere un composto cremoso e aggiungete sempre montando a velocità alta l’uovo e poi i tuorli, uno alla volta, aspettando che il primo si assorba, prima di inserire il secondo, fino ad ottenere una crema liscia, omogenea e priva di grumi, infine aggiungete un pizzico di sale:

A questo punto inserite la farina (MOLINO QUAGLIA PETRA 5) in un sol colpo precedentemente setacciata con il lievito e girate a mano con una spatola, in poche mosse la frolla si compatterà, pur rimanendo molto morbida. Trasferite su una spianatoia e impastate poco, il tempo di amalgamare tutti gli ingredienti insieme, attaccherà un pochino alle mani, così dev’essere, aggiungete altri 6-7 gr di farina per compattare e formare una palla:
Sigillate la vostra pasta frolla per pastiera in una pellicola, appiattite e lasciate in frigo per un circa 12 h (meglio 24 h prima)
Il riposo è fondamentale, parliamo di un impasto morbido che deve indurirsi per essere lavorato alla perfezione. Il guscio della pastiera, così come le strisce decorative, devono essere ricavate da un impasto rigido e fresco.

Nel frattempo versate il latte in un pentolino, aggiungete il grano precotto, lo strutto e la scorza del limone grattugiata con lo Zester. Accendete il fuoco e mescolando spesso, lasciate cuocere per circa 20 minuti a fuoco medio fino ad ottenere un composto cremoso e lasciate raffreddare. Solo quando sarà ben freddo iniziate a preparare la crema. In una ciotola setacciate con un colino sia la ricotta vaccina che quella di pecora. Unite lo zucchero  e mescolate con una frusta o con una spatola. Aggiungete poi le uova e il grano ormai freddo. Aggiungete anche i semi della bacca di vaniglia; poi tagliate a cubetti sia l’arancia che il cedro candito e inseriteli nel composto, insieme ad un pizzico di cannella e all’acqua di fiori d’arancio A questo punto mescolate il tutto per amalgamare tutti gli ingredienti e passate alla composizione della pastiera. Ungete con lo strutto e infarinate in una tortiera in alluminio (di circa 25cm) . Poi riprendete la pasta frolla e iniziate a stenderla con il mattarello fino ad ottenere uno spessore di circa mezzo cm. A questo punto trasferitelo nello stampo e con le mani fate in modo che aderisca bene su tutta la superficie. Eliminate poi l’eccesso di pasta con un coltellino e impastatelo nuovamente, servirà per realizzare le losanghe. Versate poi la crema all’interno del guscio di frolla e livellatela. Quindi stendete il resto della pasta, sempre fino ad ottenere uno spessore di mezzo cm e realizzate le losanghe, larghe circa 1 cm e mezzo con una rotella taglia pasta. Poi posizionatele sulla pastiera prima in un verso e poi nell’altro, avendo cura di far coincidere le estremità con i bordi dello stampo. A questo punto cuocete in forno statico preriscaldato a 180° per circa 80 minuti, avendo cura di spostare la pastiera sul ripiano più basso negli ultimi 20 minuti di cottura. Se le losanghe dovessero scurirsi troppo coprite la pastiera con un foglio di alluminio. Poi sfornate la pastiera napoletana e lasciatela raffreddare completamente. Prima di servirla potete spolverizzare la superficie con dello zucchero a velo a piacere.

Servire

Servite infine la vostra torta su un’alzatina per torte, cosi da evidenziarla al meglio e servitela con un buon vino Zamuner 2009 della nostra bottega

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.